MilCap Sion AFB 2012

“We Guard the WEF Sky”. E’ questo il motto che contraddistingue il servizio di “air surveillance” istituito in occasione del WEF 2012 e che ha la Base Aerea di Sion come fulcro dell’attività!

Infatti, dal 25 al 29 Gennaio 2012 si è tenuto a Davos, il Forum Economico Mondiale (WEF). Per garantire la sicurezza dei partecipanti sono state imposte ferree limitazioni nell’accesso alla zona di Davos e di sorvolo dello stesso spazio aereo.

Esercito e Forze Aeree elvetiche sono stati impegnati in maniera massiccia, affinchè queste restrizioni non vengano violate.

Un breve cenno sul significato di WEF o World Economic Forum.

Si tratta sostanzialmente, di un meeting annuale al quale partecipano i leader mondiali nel campo della politica, della finanza e delle organizzazioni internazionali.

La presenza, appunto, di personalità di spicco, impone misure di sicurezza imponenti, quali la chiusura dello spazio aereo nella zona di Davos, e il relativo controllo, 24 ore su 24.

Ogni anno l’aeronautica Elvetica (Schweizer Luftwaffe), designa una Base di riferimento, per il pattugliamento. Sion ha assolto il compito per il 2012.

La missione principale della Base Aerea 14 è di garantire l’impegno degli aerei da combattimento F/A-18 e F-5 Tiger nel quadro del servizio di sostegno, a favore del Forum economico mondiale (WEF) di Davos.

La giornata che questo report prende in considerazione è quella di giovedì 26 Gennaio 2012.

L’arrivo nel Vallese è salutato da una situazione meteo eccezionale! Cielo blu tersissimo, freddo non esagerato e quel poco di neve sulle alture intorno a Sion, che rendono il contesto favoloso!

L’attività di volo della mattinata è buona, ma nel primo pomeriggio pare subire un’incremento. Infatti, oltre agli aerei da combattimento, si alzano in volo due PC-21, per svolgere attività di addestramento. Le evoluzioni sopra la base e gli innumerevoli “touch and go”, non si contano.

Decolli e atterraggi si susseguono a ritmo abbastanza serrato, distanziati da circa 50 minuti l’uno dall’altro. Il tutto fino alle 22:00, e dalle 22:00 alle o8:00 del mattino successivo è previsto decollo solo su allarme.

Come consuetudine, desidero ringraziare i miei compagni di viaggio per aver condiviso com me questa bellissima giornata, e la Schweizer Luftwaffe, per non aver impedito le riprese fotografiche, durante una situazione di operatività, come quella in atto!

Di seguito, un’anteprima del report.

Il Report completo QUI

Teso e immagini: Stefano